.
Annunci online

 

Ognuno sta solo sul cuore della terra trafitto da un raggio di sole. ED E' SUBITO SERA.(Quasimodo) %%%%%% SOLDATI Si sta come d' autunno sugli alberi le foglie. (Ungaretti) > <
DIARI
30 agosto 2012
Forse Olimpia aveva ragione.....
C' era una donna molto anziana che abitava vicino a casa mia quando abitavo in Villa Bianca (un nome altisonante per indicare un piccolo gruppo di case un po' fuori dal paese). Era alta e magra, aveva il viso solcato da profonde rughe, i capelli bianchi e sopracciglia ancora nere. Vestiva sempre di nero come tutte le donne anziane in quel tempo, e sulle gonne lunghe fin sotto il polpaccio portava sempre un grembiule. Un giorno l' ho sentita dire che a fare un piacere alla gente spesso ci se ne doveva pentire per una settimana ; lei, si chiamava Olimpia, lo disse in dialetto e con un linguaggio molto più fiorito di quel che , per convenienza , ho usato io...... ma dev' esserci qualcosa di vero. Sentite questa.

L' altro giorno, ero al mare, sono andata in cerca della stazione per prenotare i posti sul treno per il viaggio di ritorno. Mi ero munita di una cartina topografica e a un certo punto non sapevo se stessi percorrendo la strada giusta perché non vedevo nessuna targhetta con l' indicazione del nome della via.
 Era poco dopo l'una . Faceva un gran caldo, per strada pochissima gente e i negozi erano ormai chiusi. Vedo arrivare in senso contrario al mio un ciclista che veniva giù velocemente per la via leggermente in discesa e istintivamente ho alzato una mano chiedendo "E' questa la via Mazzini?"
Mentre facevo quel gesto in un lampo ho visto quel che poteva succedere e infatti è successo ....

Il gentilissimo ciclista ha frenato di colpo, probabilmente bloccando la ruota anteriore... e in un attimo si è vista la bicicletta impennarsi e cadere, il ciclista precipitare a terra , mentre gli occhiali da sole schizzavano in mezzo alla strada e una lente di questi volava ancora più lontano....

Tutto si è svolto in qualche attimo, ma in una successione ben individuabile. Io non sapevo come scusarmi per aver indirettamente causato questo gran pasticcio, ma il gentilissimo ciclista diceva , alzandosi e rimettendo a posto occhiali e bicicletta, che non dovevo sentirmi in colpa, che tutto era a posto e che era stato lui a sbagliare.....

Ripensando alla scena , lungo la strada mi veniva da ridere, ma temo che  il ciclista  abbia detto proprio come diceva tanto tempo fa l' Olimpia...

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ciclista cortesia incidente.

permalink | inviato da grandmere il 30/8/2012 alle 22:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
SOCIETA'
17 agosto 2012
Siccità...
Siccità e caro alimenti.

Qui in Brianza  se piove, dopo due ore il terreno è pressoché asciutto perchè è di origine morenica ed è costituito solo in minima parte da argilla, mentre abbondano sabbia e sassi.

E' per questo che son bastati 40/50 giorni di mancanza di piogge , interrotti solo da qualche breve piovasco, per seccare prati e giardini. In pianura ci sono ancora i canali di irrigazione ben forniti di acqua , ma là dove non si innaffia l' argilla si spacca vistosamente...

Il problema non è solo nostro, anche in USA le zone considerate il granaio del mondo soffrono di una siccità raramente riscontrata in altri periodi ...
Tutto questo porta alla minor produzione di alimenti e al loro rincaro che già si fa sentire qui da noi e che nei paesi poveri (vedi paesi del Sahel, in Africa) porta alla denutrizione di gran parte della popolazione.

Credo che si dovrà tornare a predisporre sistemi di raccolta e di conservazione dell' acqua  nei periodi di pioggia e  si dovrà arrivare a una razionalizzazione dei consumi, anche in agricoltura oltre che negli usi civili.

L' acqua è già ora forse più preziosa dell' oro e del petrolio e lo diventerà sempre di più: non facciamoci trovare impreparati...



permalink | inviato da grandmere il 17/8/2012 alle 20:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
16 agosto 2012
Tutti al mare...
Tutti al mare...anche i disabili...

                                                         



permalink | inviato da grandmere il 16/8/2012 alle 20:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
SOCIETA'
13 agosto 2012
Sposa -bambina a Venezia...
Cosa si fa per prevenire questi casi di orrore infinito?

Sposa-bambina prigioniera a Venezia...

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Venezia sposa bambina violenze

permalink | inviato da grandmere il 13/8/2012 alle 10:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
SOCIETA'
11 agosto 2012
Comportamenti irresponsabili sulle spiagge e non solo...
I bagnini di Rimini protestano.

Condivido pienamente la protesta di questi bagnini che devono spesso rischiare la propria incolumità per correre in soccorso di bagnanti imprudenti o addirittura presuntuosi.
Se è esposta la bandiera rossa vorrà pur dire qualcosa ... e allora perchè far finta che non ci sia ?
Sono comportamenti irresponsabili che si possono riscontrare sulle spiagge, ma non solo...
Qui si legge spesso di cercatori di funghi dispersi sulle montagne o di sciatori che vanno fuori pista e allora scattano le ricerche con ingente  dispendio di risorse e col rischio che anche gli operatori vengano a trovarsi ad affrontare situazioni di grave pericolo.

C'è alla base di questi comportamenti il disprezzo delle regole, lo stesso disprezzo che si riscontra in tanti altri campi e che fa di questo paese una nave a rischio di naufragio.
Non so se questi "temerari" da strapazzo vengano sanzionati in qualche modo, ma se così non fosse bisognerebbe introdurre pene pecuniarie adeguate al danno provocato alla comunità o al tempo impiegato dai soccorritori nell'azione di soccorso: ciò potrebbe forse servire da deterrente e indurre a comportamenti più responsabili.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. bagnini protesta.

permalink | inviato da grandmere il 11/8/2012 alle 21:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
spettacoli
10 agosto 2012
Concerto per l' Emilia.
Concerto per l' Emilia.

Sono tanti i musicisti e i cantanti che hanno assicurato la loro presenza al concerto del 22 Settembre al Campovolo di Reggio Emilia e sono già 80.000 i biglietti venduti.

I fondi raccolti verranno devoluti per la ricostruzione delle scuole in Emilia.
I miei nipotini inizieranno il nuovo anno scolastico in aule ricavate da containers e chi conosce il clima dell' Emilia sa che non sarà una sistemazione molto confortevole..... perciò dico un grosso " grazie " agli artisti che accettano di esibirsi perché i disagi dei bambini emiliani si protraggano per il minor tempo possibile.
ECONOMIA
9 agosto 2012
Monti vende i gioielli di famiglia....



permalink | inviato da grandmere il 9/8/2012 alle 14:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
politica interna
7 agosto 2012
Chi di smentita ferisce....
Certo Monti poteva evitare di dire che se
 ci fosse ancora il governo Berlusconi lo
spread sarebbe a 1200.... Poteva evitarlo anche perchè non potrà mai dimostrarlo...

Berlusconi si è arrabbiato moltissimo ... e Monti ha  subito smentito e rettificato : quando si estrapola una frase dal contesto si sa.....

Berlusconi ha usato mille volte queste astuzie (negare di aver detto ciò che era evidente fosse uscito dalle sue labbra).  Se la smentita valeva per lui , ora dovrà valere per Monti.

Si potrebbe dire: Chi di smentita ferisce, di smentita perisce.....

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Monti Berlusconi spread.

permalink | inviato da grandmere il 7/8/2012 alle 21:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa
DIARI
6 agosto 2012
Grillo , che cavolate dici?
Grillo parla o vaneggia?

Grillo deve aver pensato che da troppo tempo non aveva più attirato su di sè l' attenzione dei media nostrani ed ecco che , essendo forse a corto di argomenti, se la prende con le Olimpiadi, che secondo lui rischiano di rinfocolare i nazionalismi.

Ma lo sa Grillo cosa vuol dire nazionalismo ?  Io non mi sento nazionalista quando faccio il tifo per gli atleti italiani, ma gioisco per spirito di appartenenza : loro lì rappresentano il paese cui appartengo e mi fa immenso piacere vedere che riescono a emergere, che i loro sforzi e i loro sacrifici vengono ripagati. Ma mi fa piacere anche vedere Bolt che vola verso il traguardo , o le tuffatrici  o le ginnaste che volteggiano nell' aria come fossero senza peso : mi fa gioire vedere tutta questa bella gioventù che compie imprese al limite delle umane possibilità  e che fa festa agitando la propria  bandiera, ma quello sventolio non grida contro nessun' altra bandiera.

Anch' io penso che questa manifestazione dovrebbe essere modificata, resa meno "ingombrante" e meno costosa e penso che ci siano molti modi per farlo, ma le Olimpiadi devono continuare.

Queste "uscite" di Grillo (e ne ha fatte tante altre) che vogliono per forza stupire e far parlare sono uno dei motivi per cui non lo voterò mai.
Credo che in questa occasione dovrebbe essergli indirizzato uno di quei "Vaf..." che così spesso lui ama distribuire a destra e a manca (...ma più a manca).

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. nazionalismo grillo olimpiadi

permalink | inviato da grandmere il 6/8/2012 alle 18:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa
CULTURA
5 agosto 2012
Ricordando Marylin...

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Marylin Monroe suicidio potere.

permalink | inviato da grandmere il 5/8/2012 alle 10:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
DIARI
3 agosto 2012
Siccità .
Siccità.



Il caldo non demorde e forse un' estate così calda e così lunga non è proprio consueta da queste parti, ma ci sono stati periodi anche più caldi in passato.

Quello però che pare eccezionale è la mancanza di piogge  . Ci sono stati vari scrosci d' acqua, ma tutti talmente brevi , anche se violenti, che non hanno certo potuto soddisfare la sete della terra.  Qui in Brianza l' estate era  tradizionalmente la stagione delle piogge quasi quotidiane : quasi sempre alla stessa ora veniva un bel temporale , durava mezz' ora, un' ora, portava un po' di fresco  e tornava il sereno. Ora i rari scrosci di pioggia durano cinque minuti e non riescono nemmeno a bagnare la terra sotto le piante di pomodoro.

Se a questo si aggiunge la permeabilità del terreno si può ben spiegare l' inaridimento dei prati e dei giardini.

Nei paesi sopra Bellagio addirittura si è dovuti ricorrere al rifornimento dell' acquedotto tramite autobotti dei vigli del fuoco.
 Le previsioni mi dicono che domenica pioverà: speriamo non siano le solite proverbiali quattro gocce.....

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Siccità.

permalink | inviato da grandmere il 3/8/2012 alle 14:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
DIARI
2 agosto 2012
2Agosto 1980 - ore 10.25 - Bologna
Trentadue anni fa, avveniva la strage della stazione di Bologna. Ho cercato il sito dell" Associazione familiari delle vittime della strage di cui segnalo il link e da lì ho copia-incollato la testimonianza del ferroviere che si trovava sul primo binario quella mattina alle 10 e 25..

"......Dovetti aspettare il treno Andria-Express. Era in ritardo. Così, con altri colleghi, ci recammo al deposito del personale viaggiante. Un caffè, quattro chiacchiere con altri ferrovieri. L'altoparlante annunciò l'arrivo del treno sul primo binario. Quattro passi a piedi. Passammo davanti alla sala d'aspetto di seconda classe. C'era gente seduta sui marciapiedi, ovunque, il chiosco dei gelati affollato, come quello dei panini, ristoranti stracolmi di persone.
Le 10.10. Andammo in testa al treno. Il capo ci diede i compiti. Il primo conduttore andò in coda, uno rimase là, in testa, e io mi recai al centro.
Le 10.15. Diedi informazioni sugli orari ad alcuni signori che erano appoggiati ai finestrini. Le 10.24. A quel punto ero con la faccia rivolta verso la coda del treno, la sala d'aspetto l'avevo sulla mia destra.Il capotreno fischiò d'improvviso, mi girai, vidi il segnale verde, alzai il braccio destro. Non feci in tempo a prendere il via libera dal conduttore di coda che scoppiò la bomba. Una fiammata enorme, un forte boato. Qualcuno usci dalla sala d'aspetto con gli indumenti bruciati. Intanto si sprigionò una coltre di fuliggine nera, era come se si camminasse dentro un tunnel, misi la mano sulla bocca per proteggermi, la polvere era dappertutto. In quell'esatto istante la sala d'aspetto crollò, anche la tettoia di lamiera e tutto quel fumo andò verso l'alto. E vuoto d'aria mi schiacciò contro la vettura, poi a terra. Sulla gamba mi cadde un pezzo di ferro. Non sentii alcun dolore, in quel momento. Ci fu un silenzio irreale, di due minuti, tremendo, la polvere scese e mi coprì il volto, le mani, tutto. Da quel torpore irreale, mi svegliò un urlo violento. Era qualcuno che si trovava sugli altri binari, vide la scena e urlò, così forte, così chiaro. Mi girai e vidi una persona che veniva verso di me. Mentre correva, gli cadde un masso sulla schiena. Rimase a terra a pochi centimetri. Aveva gli occhi sbarrati, ma forse voleva comunicare qualcosa, un segnale di aiuto. Da solo, cercai di togliere il masso dal suo corpo, ma era troppo pesante. Uscii dalla stazione e chiamai delle persone. Tornammo sul primo binario. Riuscimmo a spostare il blocco. Lui non gemeva. Se lo portarono via con l'autoambulanza. Solo allora mi accorsi che avevo un ginocchio gonfio, triplicato, e andai in ospedale. […]

Sullo stesso sito si può trovare la cronaca di quella terribile giornata e della reazione della città, della mobilitazione immediata degli ospedali cittadini , dell' uso dell' autobus 37 per portare via i cadaveri e i feriti...le autoambulanze non erano sufficienti ...

Aggiungo qui il link a un post di questo blog, che riporta la testimonianza di mio fratello, allora tecnico della Rai di Bologna.

Dopo 32 anni ancora la verità non è venuta a galla e questo rende più amaro il ricordo di quel giorno terribile.



permalink | inviato da grandmere il 2/8/2012 alle 0:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
luglio        settembre
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Feed
blog letto 1 volte


IL CANNOCCHIALE